giovedì, 30 Maggio , 24

Marcell Jacobs, quarto nei 100 metri in 10.03 al meeting di Oslo

(Adnkronos) - Il campione olimpico Marcell Jacobs ha...

Usa-Ucraina, Biden e Zelensky firmeranno accordo sicurezza in Italia

(Adnkronos) - Joe Biden e Volodymyr Zelensky firmeranno...

Minacce a Francesca Fagnani, disposta la vigilanza privata

(Adnkronos) - Vigilanza disposta dalla prefettura di Roma...

Al Festival “Jazz Idea” Elena Camerin Young e Francesco D’Errico 4et

AttualitàAl Festival "Jazz Idea" Elena Camerin Young e Francesco D'Errico 4et

Al Conservatorio Santa Cecilia di Roma
Roma, 4 mag. (askanews) – Con tutto esaurito e grandi consensi, prosegue fino al 19 maggio, sempre a ingresso libero, la 3a edizione del Festival “Jazz Idea” del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, con la direzione artistica della cantante e docente Carla Marcotulli.
Caratteristica del Festival, la presenza di grandi artisti affermati nel panorama musicale italiano e internazionale, che si esibiscono accanto ai giovani talenti provenienti dal Dipartimento Jazz del Conservatorio, sul palco della bellissima Sala Accademica del Conservatorio, caratterizzata da una delle migliori acustiche al mondo e dal Grande Organo Walcker-Tamburini.
Anche domani, 5 maggio, dalle 18, due concerti. Prima protagonista, con The creative voice workshop, la cantante Elena Camerin Young con un live che include brani improvvisati, originali e jazz standards. Nata a Venezia, inizia lo studio del canto con Carla Marcotulli. Dopo aver vinto il “Best Student Award” a Spoleto, si trasferisce a New York dove entra a far parte della scena underground e collabora con musicisti, attori, filmografi e danzatori. Dal 2015 vive a Boulder dove insegna alla Naropa University e continua a lavorare con artisti di ogni disciplina.
A seguire, il Francesco D’Errico 4et, guidato dal pianista Francesco D’Errico, con Giulio Martino ai sassofoni, Pietro Leveratto al contrabbasso ed Ettore Fioravanti alla batteria. Il quartetto omaggerà a Duke Ellington, di cui quest’anno ricorre il cinquantenario dalla scomparsa e a cui è dedicato l’intero Festival, con il progetto originale Ellington Prospective: un sentiero intrapreso tra scrittura e interpretazione. Brani originali nati dallo stupore che affiora dal mondo musicale di Ellington e la lettura di alcune sue pagine cercando un sentire che risuoni sincero e attuale.
(segue)

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles