venerdì, 12 Aprile , 24

Gaza, al via il 25 aprile la ciclostaffetta solidale Milano-Roma

Raccolta fondi in 6 tappe destinato alla popolazione di...

Nuova grana Santanchè non cambia linea Meloni: via con processo

Opposizioni unite nel chiedere dimissioni immediate del ministro Roma, 12...

Puglia, Bellanova (Iv): punta dell’iceberg di sistema sbagliato

“Noi unici a opporci” Roma, 12 apr. (askanews) – “Da...

Caso Lucano, i giudici: nessuna logica predatoria delle risorse pubbliche, voleva aiutare gli ultimi

Motivazioni sentenza di fatto riabilitano ex Sindaco Riace Roma, 12...

Alessio Boni è Fenoglio, nella Bari criminale di Carofiglio

video newsAlessio Boni è Fenoglio, nella Bari criminale di Carofiglio

La serie tv sul maresciallo su Rai1 dal 27 novembre

Roma, 21 nov. (askanews) – Uno dei celebri personaggi dei romanzi di Gianrico Carofiglio arriva in tv nella serie “Il metodo Fenoglio” su Rai1 dal 27 novembre. Ad interpretare il maresciallo piemontese che lavora nel Nucleo Operativo dell’Arma dei Carabinieri di Bari, c’è Alessio Boni, affiancato dal collega Paolo Sassanelli, diretto da Alessandro Casale. Siamo nel 1991 e in città si susseguono agguati, uccisioni, casi di lupara bianca e Fenoglio è convinto che la criminalità locale si stia trasformando in una vera e propria associazione mafiosa.”Lo Stato – spiega Boni – in questo caso i Carabinieri, riescono a portare a termine delle indagini che riusciranno poi a debellare tantissime cosche mafiose, fino ad arrivare a dei boss che erano totalmente latitanti ma vivevano nella piazza del paese”.Gianrico Carofiglio, da magistrato, si è occupato di mafia a Bari, e nei primi anni ’90 a Palermo c’erano Falcone e Borsellino. E a proposito del suo personaggio Boni dice: “Vi sembrerà assurdo ma come dicevano Falcone e Borsellino, per poter debellare un’organizzazione così importante come quella mafiosa, che sussiste da centinaia di anni, oramai, bisogna conoscerla profondamente, bisogna quasi amarla, entrarci in empatia per poterla debellare. Quindi lo rispetta molto lui questo, entra quasi dentro la psicosi della malavita, ama spaccare il capello in quattro, ha questo istinto investigativo che gli viene dalla cultura, dalla sapienza dell’essere umano. E’ uno che anticipa ante litteram, annusa prima del tempo, e questa è una qualità molto rara in un investigatore”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles