sabato, 13 Aprile , 24

G7 Trasporti ribadisce impegno alla transizione ma sostenibile

Salvini: “summit molto positivo, pragmantico e non ideologico” Milano, 13...

Nello Stretto di Hormuz una nave “legata a Israele” è stata abbordata da forze dell’Iran

Si tratta della portacontainer MSC Aries associata alla Zodiac Roma,...

La Russa: aiutare le comunità di recupero, sono la risposta alle tossicodipendenze

Presidente Senato accoglie appello Lautari: “Anche Meloni sensibile” Pozzolengo (Bs),...

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile...

Banca mondiale: Asia del Sud regione a più forte crescita al mondo

AttualitàBanca mondiale: Asia del Sud regione a più forte crescita al mondo

La locomotiva indiana spinge la regione, ma ci sono fragilità

Roma, 3 apr. (askanews) – Una forte crescita dell’economia indiana e la ripresa di quelle pachistana e srilankese garantiranno all’Asia meridionale una crescita robusta nel 2024, con un Pil attorno al +6%. Tuttavia persistenti sfide strutturali minacciano di minare la crescita sostenuta, ostacolando la capacità della regione di creare posti di lavoro e rispondere agli shock climatici. Lo afferma la Banca Mondiale nel suo rapporto semestrale sulla regione.

Secondo “Jobs for Resilience”, l’ultimo aggiornamento sullo sviluppo del Sud Asia, si prevede che il Sud Asia rimarrà la regione in più rapida crescita nel mondo per i prossimi due anni, con una crescita proiettata al 6,1% nel 2025.

Tuttavia questa prospettiva positiva è ingannevole, dice il rapporto. Per la maggior parte dei paesi, la crescita è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici ed è dipendente dalla spesa pubblica. Allo stesso tempo, l’aumento degli investimenti privati è rallentato bruscamente in tutti i paesi della regione, che non sta creando abbastanza posti di lavoro per tenere il passo con la sua popolazione in età lavorativa in rapido aumento.

“Le prospettive di crescita del Sud Asia rimangono luminose nel breve periodo, ma le fragili posizioni fiscali e l’aumento degli shock climatici sono nuvole oscure all’orizzonte,” ha detto Martin Raiser, vicepresidente della Banca mondiale per il Sud Asia. “Per rendere la crescita più resiliente, i paesi devono adottare politiche per stimolare gli investimenti privati e rafforzare la crescita dell’occupazione.”

La crescita della popolazione in età lavorativa nel Sud Asia ha superato quella di altre regioni di paesi in via di sviluppo. E, sebbene anche la crescita dell’occupazione sia aumentata, è ben al di sotto della crescita della popolazione in età lavorativa. Di conseguenza, la quota della popolazione in età lavorativa impiegata è in declino dal 2000 ed è bassa. Nel 2023, il tasso di occupazione per il Sud Asia era del 59%, rispetto al 70% in altre regioni di economie di mercato emergenti e in via di sviluppo. E’ l’unica regione dove la quota di uomini in età lavorativa che sono impiegati è diminuita negli ultimi vent’anni, e la regione con la quota più bassa di donne in età lavorativa impiegate.

“Il Sud Asia non sta attualmente sfruttando pienamente il suo dividendo demografico. Questa è un’opportunità mancata,” ha detto Franziska Ohnsorge, economista capo della Banca Mondiale per il Sud Asia. “Se la regione impiegasse una quota di popolazione in età lavorativa grande quanto quella di altri mercati emergenti e economie in via di sviluppo, il suo output potrebbe essere del 16% più alto”.

Queste fragili tendenze occupazionali sono concentrate nei settori non agricoli e riflettono in parte ambienti istituzionali ed economici difficili che hanno frenato la crescita delle imprese e delle attività commerciali. Imprese competitive e dinamiche sono la chiave per sbloccare la crescita dell’occupazione e robusti investimenti privati. Una più forte creazione di posti di lavoro aiuterebbe anche le famiglie, che hanno poche opzioni efficaci, ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Il rapporto raccomanda una serie di politiche per stimolare la crescita delle imprese e aumentare l’occupazione, tra cui aumentare l’apertura commerciale e l’accesso ai finanziamenti, migliorare i contesti aziendali e le istituzioni, rimuovere le restrizioni del settore finanziario, migliorare l’educazione e rimuovere le restrizioni sull’attività economica delle donne. E queste misure aiuterebbero anche a sollevare la crescita e la produttività e liberare spazio per investimenti pubblici nell’adattamento climatico.

Per quanto riguarda le prospettive per singolo paese, a fare da locomotiva regionale è l’India che, per l’anno fiscale 2023-24 registrerà alla fine un +7,5% di Pil, prima di tornare al 6,6% nel medio termine, con attività nei servizi e nell’industria che dovrebbero rimanere robuste.

Dopo la contrazione nell’anno fiscale 2022-23, si prevede che l’economia del Pakistan crescerà del 2,3% nel ’24-’25 poiché la fiducia delle imprese migliora. In Sri Lanka, si prevede che la crescita del prodotto interno lordo si rafforzerà al 2,5% nel 2025, con modeste riprese nelle riserve, nelle rimesse e nel turismo.

In Bangladesh, si prevede che il prodotto interno lordo aumenterà del 5,7% nell’anno fiscale 2024-’25, con l’alta inflazione e le restrizioni sul commercio e sui cambi esteri che limitano l’attività economica. L’economia del Bhutan dovrebbe crescere del 5,7% nello stesso anno fiscale, supportata da una maggiore produzione di elettricità insieme alla crescita in minerario, manifatturiero e turismo.

La crescita del prodotto interno lordo nelle Maldive è prevista essere del 4,7% nel 2024, un abbassamento di mezzo punto percentuale rispetto alle previsioni precedenti poiché i turisti si spostano dai resort di alta gamma verso pensioni a basso costo. In Nepal, si prevede che il prodotto interno lordo crescerà del 4,6% nell’anno fiscale 2024-’25, poiché si prevede che le esportazioni di energia idroelettrica riprenderanno ma la ripresa degli altri settori rimarrà lenta.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles