venerdì, 12 Aprile , 24

La Lega festeggia i 40 anni, Salvini sventola l’Autonomia

Anniversario divisi: il leader a Varese, i dissidenti a...

Cantina Valpolicella Negrar porta a Vinitaly l’Amarone del 90esimo

Riserva di Amarone 2015 da collezione che celebra origini...

Gaza, al via il 25 aprile la ciclostaffetta solidale Milano-Roma

Raccolta fondi in 6 tappe destinato alla popolazione di...

Nuova grana Santanchè non cambia linea Meloni: via con processo

Opposizioni unite nel chiedere dimissioni immediate del ministro Roma, 12...

Bce, nuovi segnali di apertuta a taglio tassi giugno (e non aprile)

AttualitàBce, nuovi segnali di apertuta a taglio tassi giugno (e non aprile)

Verbali Consiglio: servono più dati che provino calo inflazione

Roma, 4 apr. (askanews) – Dalla Bce giungono nuovi segnali di apertura a un possibile taglio dei tassi di interesse a giugno, mentre i verbali della riunione di del 6 e 7 marzo del Consiglio direttivo ribadiscono che una mossa simile alla riunione della prossima settimana (11 aprile) risulta “difficile”.

Al direttorio di marzo “è stato sottolineato che per la riunione di giugno il Consiglio una mole rilevante di dati e informazioni in più, specialmente per le dinamiche salariali. Invece – recita il documento pubblicato oggi dalla stessa Bce – le nuove informazioni disponibili per la riunione di aprile saranno più limitate, rendendo difficile che (il Consiglio) possa essere per allora sufficientemente fiducioso sulla sostenibilità del processo inflazionistico”.

La formula ribadisce, forse in modo ancora più esplicito, indicazioni che erano state già espresse al termine del Consiglio di marzo dalla presidente, Christine Lagarde.

Alla riunione i componenti del direttorio hanno “espresso una accresciuta fiducia che l’inflazione è instradata per moderarsi in maniera sostenibile verso l’obiettivo del 2% in maniera tempestiva. Tuttavia – proseguono i verbali – pazienza e cautela restano necessarie, e servono più elementi e dati affinché il Consiglio sia sufficientemente fiducioso Che il compito (di riportarla verso l’obiettivo-ndrt) sia stato raggiunto”.

Tutti hanno concordato con la proposta del capo economista, Philip Lane di mantenere i tassi di interesse ai livelli attuali. Inoltre “c’è stato consenso che sarebbe (stato) prematuro discutere tagli dei tassi all’incontro. E’ stato affermato che è importante andare avanti nel processo disinflazionistico e accumulare altri elementi, affinché il consiglio sia sufficientemente fiducioso che l’inflazione sia orientata a tornare all’obiettivo”.

Va comunque rilevato che il documento si riferisce appunto a quasi un mese fa e non incorpora l’ultimo dato sull’inflazione, relativo a marzo in cui, secondo la stima preliminare pubblicata ieri da Eurostat, il livello medio per l’area euro ha mostrato un ulteriore calmieramento, superiore al previsto, portandosi al 2,4%. (immagine da sito Bce)

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles