mercoledì, 24 Aprile , 24

Tg Politico Parlamentare, edizione del 24 aprile 2024

DA COMMISSIONE SENATO OK A DDL PREMIERATO Via libera della...

Il Governo punta sulla ‘filigranatura’ per la cybersecurity. Di cosa si tratta

ROMA – “La nostra ispirazione è una visione umano-centrica...

Volkswagen svela a Pechino ID.Code e brand ID.Ux per mercato cinese

Con Xpeng sarà prodotta una piattaforma per 4 modelli...

Bilaterale Confagri-Asaja su nuove sfide agricoltura Ue

A Palazzo della Valle l’incontro con la delegazione spagnola Roma,...

Blinken in Egitto, colloqui per una tregua di sei settimane a Gaza

video newsBlinken in Egitto, colloqui per una tregua di sei settimane a Gaza

Incontro con al Sisi dopo la proposta all’Onu su cessate il fuoco

Roma, 21 mar. (askanews) – Il segretario di Stato americano Antony Blinken è al Cairo, in Egitto, seconda tappa del suo sesto tour in Medio Oriente dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, il 7 ottobre scorso, nel tentativo di mediare per un cessate il fuoco a Gaza.Blinken ha incontrato il ministro degli Esteri egiziano Sameh Choukri e il presidente Abdel Fattah al-Sisi. I due, secondo un comunicato diffuso dal Cairo, “hanno discusso i negoziati per garantire un cessate il fuoco immediato per almeno sei settimane e il rilascio di tutti gli ostaggi”.Sia l’Egitto che gli Stati Uniti concordano sulla necessità di garantire l’accesso umanitario all’enclave palestinese e sul “rifiuto dello spostamento dei palestinesi fuori dalle loro terre in qualsiasi modo o forma”, si legge nella dichiarazione diffusa dalla presidenza egiziana.Dopo il Cairo, Blinken volerà in Israele. La prima tappa del nuovo tour nella regione è stata l’Arabia Saudita; in un’intervista a Gedda, trasmessa da Al Arabiya, il Segretario di Stato americano ha lasciato aperto uno spiraglio: “Abbiamo presentato una risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiede un cessate il fuoco immediato legato al rilascio degli ostaggi, e speriamo vivamente che i Paesi la sostengano. Credo che questo manderebbe un messaggio forte, un segnale forte”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles