venerdì, 12 Aprile , 24

Marsilio: Abruzzo destinazione d’eccellenza del grande ciclismo

Concluso il Giro d’Abruzzo Roma, 12 apr. (askanews) – “L’Abruzzo...

Brescianini: grande onore il Wine ministerial meeting in Franciacorta

A Vinitaly 42 Cantine franciacortine, 27 con il Consorzio Milano,...

Abruzzo, Marsilio: bene avvio lavori raddoppio tratta ferrovia

Interporto d’Abruzzo – Manoppello – Scafa Roma, 12 apr. (askanews)...

Vino, Regione Campania a Vinitaly 2024: la carica delle 180 Cantine

Tra focus e masterclass, anche il premio a Ambasciatori...

Campelli (Corepla): Regolamento Ue penalizza sistema virtuoso

video newsCampelli (Corepla): Regolamento Ue penalizza sistema virtuoso

“Accordo provvisorio primo passo importante”

Roma, 6 mar. (askanews) – “Il regolamento europeo sugli imballaggi in plastica sta prendendo forma, l’accordo provvisorio raggiunto ieri è un primo passo importante anche se non definitivo. Se però l’obiettivo doveva essere quello di disciplinare il settore in modo da ridurre gli sprechi e l’impatto ambientale dei rifiuti non penso sia stato raggiunto. Penalizzando il riciclo in virtù del riuso si sta mettendo a punto un’operazione fortemente ideologizzata”, lo ha detto questa mattina Andrea Campelli, Direttore Relazioni Esterne di Corepla, intervenuto a Largo Chigi, il format di The Watcher Post. “Puntare su un regolamento anziché su una direttiva è stato un grande errore. Quello raggiunto ieri, che dovrebbe rappresentare l’ossatura del regolamento, è un accordo che propone piccole soluzioni che avranno un grande impatto sulla filiera italiana della plastica, alcuni materiali verranno proibiti senza considerare il loro contributo a ridurre lo spreco alimentare e a garantire igiene e sicurezza”. E ha aggiunto: “I progetti nell’ambito del Pnrr su cui si sta lavorando in questo settore sono importanti perché sono legati allo sviluppo di impianti utili a colmare dei gap presenti in alcune aree del paese e soprattutto per implementare la portata tecnologica di questa filiera industriale. L’Italia da 25 anni ha messo in piedi un sistema consortile molto virtuoso, è un peccato che la normativa europea lo vada a penalizzare per andare incontro a stati membri che non sono stati bravi come noi”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles