mercoledì, 18 Maggio, 2022

Caro bollette, De Lise (commercialisti): tramutare incrementi in credito di imposta

Ultime Notizie

Senato, la nuova presidente della commissione Esteri è Stefania Craxi

ROMA (Public Policy) – Stefania Craxi (Forza Italia) è stata eletta nuova presidente della commissione Esteri del Senato. Lo si apprende da fonti parlamentari....

Precipita da vano scale, grave 39enne a Roma

Giallo a Casal Bruciato. L'uomo è stato trovato riverso sul terrazzo condominiale continua a leggere sul sito di riferimento

Roma, il liceo Cavour apre alla «carriera alias»: linee-guida per studenti che cambiano identità

L'istituto di fronte al Colosseo che conta oltre mille studenti fra i primi "big» a recepire le indicazioni inviate un anno fa alle scuole...

Addio Feltrinelli Red, arriva l’ Esselunga

Lavori in corso per il supermercato con un format simile a quello di via Cola di Rienzo: enoteca, sommelier e caffetteria con cucina...

L’omicidio-suicidio della Russia di Putin

di Pietro Monsurrò ROMA (Public Policy) – La nostalgia putiniana per l'Impero russo ha portato la Russia a uno stallo da cui uscirà più...

Si blocca la Roma-lido, i passeggeri si riversano sulla via del Mare

Prese d'assalto le poche navette messe in circolazione dopo il giasto tecnico avvenuto poco prima della stazione di Magliana continua a leggere sul...

La proposta dell’Ungdcec: un ‘energy credit’ per contrastare aumenti

“Sul caro bollette l’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili è pronta a lanciare una proposta elaborata dalle commissioni che si occupano di fisco.

L’idea è quella di tramutare una percentuale degli incrementi, sulla base delle disponibilità finanziarie e degli appostamenti di bilancio, in un credito di imposta che andrebbe a compensare i debiti erariali o contributivi di maggio e giugno”. Lo afferma Matteo De Lise, presidente dell’Ungdcec.
“Non sarebbe un aiuto a pioggia, come avvenuto in passato, ma un ‘energy credit’ che si andrebbe a generare a seguito della presentazione di un’apposita istanza telematica”, evidenzia De Lise. “Le imprese e i professionisti potranno certificare, grazie all’apposizione di un visto da parte di un dottore commercialista, il costo medio mensile sostenuto durante il primo trimestre del 2019 per l’energia elettrica, confrontandolo entro il 30 aprile con il costo medio mensile sostenuto nel primo trimestre 2022”.
L’auspicio del presidente dei giovani commercialisti è che “la proposta arrivi a breve sui tavoli politici. Non vogliamo sottrarci dal dare un contributo alla ripresa del Paese, forti del fatto che, come professionisti, tocchiamo con mano le difficoltà a cui devono far fronte imprese, attività commerciali e studi professionali, che vedono i costi operativi legati all’energia incrementarsi in maniera esponenziale”.

L’articolo Caro bollette, De Lise (commercialisti): tramutare incrementi in credito di imposta proviene da Notiziedi.

continua a leggere sul sito di riferimento

Ultime Notizie

Senato, la nuova presidente della commissione Esteri è Stefania Craxi

ROMA (Public Policy) – Stefania Craxi (Forza Italia) è stata eletta nuova presidente della commissione Esteri del Senato. Lo si apprende da fonti parlamentari....

Precipita da vano scale, grave 39enne a Roma

Giallo a Casal Bruciato. L'uomo è stato trovato riverso sul terrazzo condominiale continua a leggere sul sito di riferimento

Roma, il liceo Cavour apre alla «carriera alias»: linee-guida per studenti che cambiano identità

L'istituto di fronte al Colosseo che conta oltre mille studenti fra i primi "big» a recepire le indicazioni inviate un anno fa alle scuole...

Addio Feltrinelli Red, arriva l’ Esselunga

Lavori in corso per il supermercato con un format simile a quello di via Cola di Rienzo: enoteca, sommelier e caffetteria con cucina...

L’omicidio-suicidio della Russia di Putin

di Pietro Monsurrò ROMA (Public Policy) – La nostalgia putiniana per l'Impero russo ha portato la Russia a uno stallo da cui uscirà più...