giovedì, 30 Maggio , 24

Ucraina, Russia attacca Kharkiv: allarme antiaereo in diverse regioni

(Adnkronos) - Attacco della Russia nella notte del...

Grandinata a Nardò, la strada è un fiume di ghiaccio – Video

(Adnkronos) - Una violenta grandinata si è abbattuta...

Casa, idealista: affitti aprile +2,3% balzo del 13,1% in un anno

AttualitàCasa, idealista: affitti aprile +2,3% balzo del 13,1% in un anno

Milano rimane il capoluogo più costoso
Roma, 30 apr. (askanews) – L’affitto medio in Italia ha registrato un aumento del 2,3% nell’ultimo mese, secondo le recenti analisi condotte dall’ufficio studi del portale immobiliare idealista. Questo incremento si inserisce in un contesto di crescita costante, con un notevole aumento del 13,1% rispetto all’anno precedente, portando il valore medio delle locazioni nazionali a 13,5 euro al metro quadro.
Nell’ambito regionale, solo quattro macroaree hanno riportato variazioni negative ad aprile rispetto al mese precedente, trainate dai cali registrati in Molise (-2,7%), Trentino-Alto Adige (-1,8%), Emilia-Romagna (-0,9%) e Sardegna (-0,4%). Al contrario, tutte le altre regioni hanno mostrato segnali positivi, con i maggiori aumenti registrati in Calabria (6,7%) e Valle d’Aosta (6,3%). Troviamo poi la Liguria con un aumento del 4,1%, seguita da Lazio (3,7%), Piemonte (3,5%) e Toscana (3,2%). Anche Marche (2,9%), Friuli-Venezia Giulia e Veneto (entrambe 2,8%) e Puglia (2,4%) hanno registrato aumenti superiori alla media nazionale del 2,3% osservata ad aprile.
La Valle d’Aosta rimane la regione più costosa per i locatori, con una media di 21,2 euro al metro quadro al mese, seguita dalla Lombardia e dalla Toscana, con valori rispettivamente di 18,7 euro e 17,7 euro al metro quadro. Al contrario, il Molise rimane la regione più economica per i futuri inquilini, con un costo medio di 6,4 euro al metro quadro, preceduta dalla Basilicata (7 euro/metro quadro) e dall’Umbria (7,1 euro/metro quadro) con valori simili.
Nel contesto dei capoluoghi, si è registrato un andamento positivo dei prezzi, sebbene meno marcato rispetto ad altre aree, con aumenti in 49 città, ribassi in altri 35, e 5 centri che hanno mantenuto prezzi invariati rispetto a marzo. I principali incrementi di aprile si sono verificati a Venezia (6,4%), Livorno (5,9%), e Arezzo (5,3%), mentre i ribassi più significativi sono stati osservati a Lecco (-4,9%), Caltanissetta (-4,6%), Foggia e Trieste (entrambe -4,5%).
Tra i grandi mercati, Milano e Napoli sono rimasti stabili, mentre Torino e Roma hanno sperimentato rispettivamente un incremento dell’1,6% e del 2,4%.
Milano rimane anche ad aprile il capoluogo più costoso, con un valore medio di 23,3 euro al metro quadro, mantenendo prezzi invariati rispetto a marzo. Al secondo posto si trova Firenze con 20 euro al metro quadro, seguita da Venezia con 18,9 euro al metro quadro, e poi Bologna e Roma con 17,5 euro e 16,5 euro al metro quadro, rispettivamente. Al contrario, le locazioni più economiche si trovano a Caltanissetta (4,7 euro/metro quadro), Agrigento e Cosenza (5,5 euro/metro quadro).

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles