giovedì, 23 Maggio , 24

Superenalotto, numeri combinazione vincente oggi 23 maggio

(Adnkronos) - Nessun '6' né '5+1' al concorso...

G7, Meloni a summit filosofia: “Valori della nostra cultura e tradizione sono stella polare”

(Adnkronos) - "Gentile sindaco Cannito, desidero rivolgere il...

Neonato morto in crociera, la mamma: “Avevo paura di essere licenziata”

(Adnkronos) - "Non volevo far morire di fame...

Cosa insegna la storia del redditometro, il fisco che ‘scotta’

(Adnkronos) - In passato ci sono stati i...

Consiglio Ue adotta definitivamente direttiva contro violenza di genere

AttualitàConsiglio Ue adotta definitivamente direttiva contro violenza di genere

Stati membri hanno 3 anni di tempo per recepirla
Roma, 7 mag. (askanews) – Il Consiglio Ue ha dato il via libera a una direttiva Ue per combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica. “Adottare un’azione decisiva contro questi atti di violenza è essenziale per garantire i valori e i diritti fondamentali dell’uguaglianza tra donne e uomini e della non discriminazione”, dice un comunicato del consiglio. La legge impone a tutti i paesi dell’UE di criminalizzare la mutilazione genitale femminile, il matrimonio forzato e la violenza informatica, come la condivisione non consensuale di immagini intime.
La nuova legge contiene anche misure per prevenire la violenza contro le donne e la violenza domestica e stabilisce standard per la protezione delle vittime di questi crimini.
“La violenza contro le donne e la violenza domestica è un crimine persistente. Questa legge garantirà a livello europeo che i suoi autori saranno severamente sanzionati e che le sue vittime riceveranno tutto il sostegno di cui hanno bisogno” ha commentato Paul Van Tigchelt, vice primo ministro belga e ministro della Giustizia e del Mare del Nord
La legge adottata oggi criminalizza i seguenti reati in tutta l’UE: mutilazione genitale femminile, matrimonio forzato, condivisione non consensuale di immagini intime, stalking informatico, molestie informatiche e incitamento informatico all’odio o alla violenza.
Il commettere questi crimini sarà punibile con pene detentive da almeno uno a cinque anni. La direttiva prevede anche un ampio elenco di circostanze aggravanti, come aver commesso un reato contro un minore, un ex o attuale coniuge o partner o un rappresentante pubblico, un giornalista o un difensore dei diritti umani, che comportano sanzioni più severe.
La direttiva contiene anche norme dettagliate sulle misure di assistenza e protezione che gli Stati membri dovrebbero fornire alle vittime.
Diventerà più facile per le vittime di violenza contro le donne e di violenza domestica denunciare un reato. Come minimo, sarà possibile denunciare i crimini informatici online. I paesi dell’UE devono inoltre adottare misure per garantire che i bambini siano assistiti da professionisti. Quando i bambini denunciano un reato commesso da qualcuno che esercita la responsabilità genitoriale, le autorità dovranno adottare misure per proteggere la sicurezza del bambino prima di informare il presunto autore.
Al fine di proteggere la privacy della vittima e prevenire la vittimizzazione ripetuta, gli Stati membri devono inoltre garantire che le prove relative alla condotta sessuale passata della vittima siano consentite nei procedimenti penali solo quando sono pertinenti e necessarie.
Con l’idea di costruire un futuro più sicuro, le misure preventive mirano ad aumentare la consapevolezza sulle cause profonde della violenza contro le donne e della violenza domestica e a promuovere il ruolo centrale del consenso nei rapporti sessuali.
Gli Stati membri hanno tre anni dall’entrata in vigore della direttiva per recepirla nel diritto nazionale.

Il testo era già stato concordato informalmente tra il Parlamento europei e il Consiglio Ue il 6 febbraio a Strasburgo, dopo un lungo negoziato (cinque round dal luglio scorso). In quell’occasione, i negoziatori del Parlamento europeo non erano riusciti a convincere un gruppo nutrito di Stati membri (tra cui Francia, Germania, Olanda, Austria e Ungheria) a concordare una definizione comune europea del reato di stupro come atto basato sulla costrizione, non necessariamente violenta, a un atto sessuale non consensuale. La revisione periodica della direttiva da parte della Commissione potrebbe servire, almeno così si spera, a ritornare su questa definizione, quando le circostanze saranno più favorevoli.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles