sabato, 13 Aprile , 24

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile...

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell’ultimo rapporto mensile dell’associazione bancaria Roma, 13 apr....

Abi, prosegue diminuzione tassi. Sui mutui casa a marzo scesi a 3,79%

In calo sia quelli a medio/lungo termine che quelli...

Cinque Riserve MAB UNESCO per una nuova visione comune del Grande Fiume

Sottoscritto Protocollo d’intesa, giornata storica per le Riserve dell’asta...

Elezioni Russia, Tajani: “Salvini? Non è una frase che mina coesione del centrodestra”

Dall'Italia e dal MondoElezioni Russia, Tajani: “Salvini? Non è una frase che mina coesione del centrodestra”

(Adnkronos) – Sulla Russia “la posizione del governo è molto chiara, l’ha ribadita il presidente del Consiglio ieri sera”. A sottolinearlo rispondendo ad una domanda sulle parole di Salvini è stato il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani intervenendo a Radio 24. “Sono elezioni che soprattutto nelle aree occupate sono di fatto illegittime, poi Putin rimane presidente della Federazione russa, ma certamente il modello democratico non è lo stesso modello dell’Italia e dei paesi dell’Unione Europea, per usare un eufemismo… Una democrazia un po’ singolare”, ha aggiunto. 

E su eventuali divergenze interne alla maggioranza, Tajani insiste: “Mi pare che sia tutto chiarito a questo punto… la maggioranza è coesa, siamo uniti adesso alle elezioni regionali in Piemonte, alle elezioni regionali in Basilicata, in amministrazioni comunali. Non è una frase che mina la coesione del centrodestra, i problemi sono semmai nell’altro campo non nel nostro”. 

“Ogni forza politica ha delle posizioni che possono essere differenti – ha aggiunto – ma non c’è una sostanziale divergenza: in Parlamento abbiamo sempre votato nella stessa maniera, il centro destra è sempre stato assolutamente coeso”. 

Il sostegno a Kiev, continua Tajani, “non è mai stato in discussione, siamo in prima linea a sostenere l’indipendenza, la libertà di un paese che è stato attaccato in violazione del diritto internazionale da parte della Federazione russa, lo abbiamo ribadito anche ieri durante la riunione del Consiglio affari esteri a Bruxelles”, dice ribadendo la posizione italiana sulla guerra in Ucraina.  

Interpellato sull’opportunità di un dialogo con il Cremlino, il vicepremier e ministro degli Esteri sottolinea che “bisogna vedere che cosa significa il dialogo: noi abbiamo sempre detto che non siamo mai stati in guerra con la Russia, abbiamo sempre detto che la Russia non è Putin e Putin non è la Russia. Quando diamo giudizi negativi sul Cremlino non significa che diamo giudizi contro il popolo russo. Detto questo però il Cremlino deve rispettare alcune regole”. 

“Noi vogliamo che si arrivi alla pace”, osserva il ministro. “Quindi per forza la diplomazia deve svolgere il proprio ruolo: noi siamo pronti a sostenere tutte le iniziative di pace, fermo restando che non si può mettere in discussione il diritto internazionale, quindi l’indipendenza e la libertà dell’Ucraina non possono essere messe in discussione. Perché aiutiamo l’Ucraina?”, ha poi chiesto. “Perché vogliamo che l’Ucraina non soccomba di fronte alla Russia e quindi si possa – tra due contendenti in una situazione di stallo – arrivare ad un confronto che ha la possibilità di raggiungere la pace, che è il nostro obiettivo finale, ma una pace giusta”. 

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles