giovedì, 7 Dicembre , 23

Direttiva Case Green, accordo tra Europarlamento e Consiglio Ue

Restano gli obiettivi sull’efficienza energetica ma meno ambiziosi Bruxelles, 7...

Armenia e Azerbaigian: la pace è possibile

Dichiarazione congiunta dei due governi Roma, 7 dic. (askanews) –...

Roma, Gualtieri: a Capodanno in piazza Blanco, Lazza e Michielin

Al Circo Massimo con Rds “Roma 2024 You are...

Piemonte, da accordo coesione 1,265 mld per sviluppo Regione

Agli 865 mln del Fsc si unisce il recupero...

Il futuro di Gaza nel dopoguerra, gli Usa chiedono chiarimenti a Netanyahu

Dall'Italia e dal MondoIl futuro di Gaza nel dopoguerra, gli Usa chiedono chiarimenti a Netanyahu

(Adnkronos) – Gli Stati Uniti hanno chiesto chiarimenti in merito alle dichiarazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo il quale Israele manterrà la responsabilità della sicurezza a Gaza per un periodo indefinito dopo la guerra. Lo ha confermato una fonte americana a Times of Israel dopo che la notizia era stata riportata inizialmente dall’emittente israeliana Kan.  

Ieri sera Netanyahu ha dichiarato di opporsi al ritorno dell’Autorità Nazionale Palestinese a Gaza una volta finita la guerra con Hamas, ritorno che è invece un obiettivo di Washington.  

“Non ci sarà un’autorità civile che educhi i propri figli a odiare Israele, a uccidere gli israeliani, a eliminare lo Stato di Israele. Non potrà esserci un’autorità che paga le famiglie degli assassini in base al numero di quanti (israeliani, ndr) hanno ucciso. Non può esistere un’autorità il cui leader 30 giorni dopo non abbia ancora condannato il terribile massacro (del 7 ottobre, ndr)”, ha affermato il premier, riferendosi al presidente dell’Anp, Mahmoud Abbas. “Deve esserci qualcos’altro lì. Ma in ogni caso dobbiamo avere un controllo di sicurezza”, ha aggiunto. 

Netanyahu ha poi assicurato che “qualsiasi pressione internazionale non cambierà la nostra convinzione che è nostro diritto e dovere difenderci”. “I leader mondiali devono continuare a mostrare il loro sostegno a Israele e non cedere ad alcuna pressione”, ha aggiunto Netanyahu, secondo cui “se vogliamo la pace e la sicurezza e garantire il futuro dello Stato di Israele, dobbiamo eliminare Hamas”. 

Quindi ha lanciato un monito a Hezbollah nel giorno in cui c’è stato anche un nuovo discorso del leader della formazione sciita, Hassan Nasrallah. Israele è “totalmente preparato” sul fronte settentrionale ossia verso il confine con il Libano, ha dichiarato, spiegando di aver avvertito Hezbollah che entrare in guerra con Israele sarebbe un “errore fatale” che “determinerebbe il destino del Libano”. 

Riferendosi poi a Hamas, il primo ministro ha sottolineato che Israele “non si fermerà finché non avrà completato la sua missione” e che il suo unico scopo è “la vittoria”, aggiungendo che Hamas ha “perso la presa” su Gaza e ora non ha “nessun posto dove nascondersi”. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara intanto di “aver perso le comunicazioni con i suoi contatti dell’ospedale al Shifa, nel nord della Striscia di Gaza”. “Mentre continuano ad emergere orribili notizie di continui attacchi all’ospedale, riteniamo che i nostri contatti si siano uniti alle decine di migliaia di sfollati che stanno scappando dall’area”, si legge in un post dell’Oms sul social X. 

Secondo Medici Senza Frontiere, i bombardamenti costanti impedirebbero al personale e ai pazienti di evacuare il più grande ospedale di Gaza poiché le risorse scarseggiano. L’esercito israeliano ha riconosciuto gli scontri con i miliziani di Hamas nei pressi dell’ospedale, ma ha tuttavia negato di aver sparato o di aver posto sotto assedio il centro medico. 

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles