lunedì, 22 Aprile , 24

Premio Guido Carli, il 10 maggio a Roma festa eccellenza italiana

Evento straordinario all’Auditorium Parco della Musica per 15 anni...

Media cinesi: disegno legge Usa su TikTok è segno di “sinofobia”

Reazioni sulla stampa, ByteDance reagirà nei tribunali Roma, 22 apr....

Basilicata, bocche cucite ai comitati elettorali in attesa risultati

Bardi arrivato al comitato, Marrese a Montalbano Jonico, Follia...

Mattarella: urgente completare il progetto Ue, con i Balcani, l’Ucraina, Moldova e Georgia

Il presidente alla cerimonia per 20esimo anniversario dell’adesione della...

Invadere Gaza o no? Parenti ostaggi “terrorizzati da entrambe opzioni”

video newsInvadere Gaza o no? Parenti ostaggi "terrorizzati da entrambe opzioni"

Tamar Eshet: “Spero l’obiettivo principale sia riportarli a casa”

Roma, 25 ott. (askanews) – Tamar Eshet è in Italia insieme al fratello Hen per raccontare la storia di loro cugino Evyatar, di 29 anni, rapito dai miliziani di Hamas al Nova Music Festival di Re’im assieme a diversi amici, durante l’attacco terroristico su vasta scala contro Israele del 7 ottobre scorso. Evyatar è fra i 220 ostaggi tuttora detenuti dal movimento islamista palestinese che controlla la Striscia di Gaza.Abbiamo incontrato Tamar e suo fratello nell’ambito di una serie di interviste organizzate con la stampa internazionale, e le abbiamo chiesto cosa pensi dei piani delle forze armate israeliane per un’invasione via terra di Gaza, se possano mettere più a rischio gli ostaggi oppure aumentare le chance di liberazione.”È molto difficile per me, perché sono così impaurita per Evyatar, entrambe le opzioni mi terrorizzano. Ogni articolo nella stampa sugli ostaggi mi provoca stress. Non sono un militare e non sono un politico, non so quale sia esattamente il piano, spero soltanto che il loro obiettivo principale sia la salute degli ostaggi e il loro ritorno a casa vivi”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles