mercoledì, 24 Aprile , 24

Pro Vita & Famiglia alla Dire: “Non entreremo nei consultori”

ROMA – “La mission di ‘Pro Vita & Famiglia’ non...

L’Europarlamento approva la revisione della Politica agricola comune

Eliminati molti obblighi di “eco-condizionalità” per avere fondi Ue Strasburgo,...

Copa e Cogeca: modifiche Pac segnale positivo per agricoltori

Stati Membri presentino subito leggi di attuazione Roma, 24 apr....

Istat: a marzo cala fiducia dei consumatori, sale per le imprese

AttualitàIstat: a marzo cala fiducia dei consumatori, sale per le imprese

Evoluzione negativa del clima di opinione tra i consumatori

Roma, 28 mar. (askanews) – A marzo l’indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce da 97 a 96,5 mentre l’indicatore composito del clima di fiducia delle imprese sale da 95,9 a 97. A renderlo noto è l’Istat.

L’evoluzione negativa del clima di opinione dei consumatori sintetizza il deterioramento sia del clima personale (da 95,2 a 94,6) sia di quello corrente (l’indice cala da 97,0 a 96,0); il clima economico rimane sostanzialmente stabile (da 102,0 a 101,9) e quello futuro registra un incremento marginale (l’indice passa da 97,1 a 97,2). Quanto alle imprese, l’indice di fiducia aumenta in tutti e quattro i comparti economici indagati, seppur con intensità diverse: nelle costruzioni e, soprattutto, nel commercio al dettaglio si registrano gli aumenti più consistenti (rispettivamente da 104,3 a 105,8 e da 100,8 a 104,6); nella manifattura e nei servizi si stima una crescita più contenuta (l’indice sale, nell’ordine, da 87,5 a 88,6 e da 100,2 a 100,7).

Sul fronte delle componenti degli indici di fiducia dei comparti economici, nella manifattura tutte le componenti sono in miglioramento; nelle costruzioni giudizi sul livello degli ordini e/o piani di costruzione sostanzialmente stabili rispetto al mese scorso si uniscono ad attese sull’occupazione presso l’azienda in deciso aumento.

Passando al comparto dei servizi di mercato, si osserva un aumento di tutte le componenti ad eccezione delle attese sugli ordini che sono riviste in diminuzione. Con riferimento al commercio al dettaglio, tutte le variabili registrano una dinamica positiva; si segnala che l’indice di fiducia aumenta nella grande distribuzione (da 98,6 a 103,8), mentre cala nella distribuzione tradizionale (da 109,7 a 108,8). In base ai giudizi forniti dagli imprenditori del comparto manifatturiero sui fattori negativi che condizionano l’export, nel primo trimestre 2024 si stima un lieve aumento della percentuale di imprese con difficoltà nell’export.

“Dopo il calo registrato lo scorso febbraio, a marzo 2024 il clima di fiducia delle imprese – è il commento dell’Istat – torna ad aumentare rimanendo comunque al di sotto della quota raggiunta a gennaio 2024. L’aumento dell’indicatore complessivo rappresenta un diffuso miglioramento della fiducia in tutti i comparti economici indagati”.

A marzo 2024 “l’indice di fiducia dei consumatori subisce una battuta d’arresto interrompendo la crescita degli ultimi quattro mesi: l’indicatore diminuisce riportandosi sul livello dello scorso gennaio. Il calo dell’indice è influenzato principalmente dal peggioramento sia delle valutazioni sul quadro economico familiare (compresi i giudizi sul bilancio familiare) sia di quelle sull’opportunità all’acquisto di beni durevoli nella fase attuale”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles