giovedì, 18 Aprile , 24

Kuleba: più difesa aerea all’Ucraina senza indugi

Parla il ministro degli esteri ucraino a Capri per...

Draghi scalda atmosfera a Consiglio Ue (e soprattutto in Italia)

Pieno sostegno da Calenda, Salvini stronca governo ex banchiere Bruxelles,...

Navy Caiman Race 2024, una corsa epica sulle coste di Portovenere

L’emozione e l’avventura tornano a prendere vita sulle incantevoli...

Gli occhi delle donne dal carcere: la Santa Sede in Biennale

Alla casa circondariale in Giudecca il progetto Con i...

La batteria edibile dell’IIT tra le migliori invenzioni del 2023

video newsLa batteria edibile dell'IIT tra le migliori invenzioni del 2023

“Menzione speciale” nell’elenco stilato dalla rivista Time

Milano, 25 ott. (askanews) – E’ italiana una delle 200 invenzioni più importanti del 2023: si tratta della batteria ricaricabile edibile, sviluppata all’interno dell’Istituto Italiano di Tecnologia – IIT – dal team di ricercatori guidato da Mario Caironi. Descritto per la priva volta nel marzo del 2023 in un articolo scientifico pubblicato dalla rivista Advanced Material, la batteria ricaricabile edibile è stata inserita, con una menzione speciale, nella lista redatta dalla rivista Time delle 200 invenzioni che per “l’originalità, l’efficacia, l’ambizione e l’impatto”, possono cambiare il nostro modo di vivere. “Questa è una batteria fatta con materiali completamente commestibili. – racconta Mario Caironi coordinatore del Printed and Molecular Electronics Laboratory dell’IIT a Milano – il suo principio di funzionamento è identico alle batterie di comune uso, solo che è realizzato con ciò che è cibo o derivato del cibo. E’ stata pensata per applicazioni sia esterne al corpo umano, sia per applicazioni all’interno”.”Siamo partiti due molecole che si trovano comunemente nel cibo: la riboflavina, o vitamina B2, presente per esempio nelle mandorle, è stata utilizzata come materiale per l’anodo della batteria; mentre la quercetina, presente nei capperi, è stata utilizzata come catodo – spiega Valerio Galli ricercatore IIT impegnato sul prototipo della batteria edibile ricaricabile – Gli altri materiali derivati dal cibo o additivi alimentari che abbiamo utilizzato sono: la foglia d’oro come conduttore; il carbone attivo all’interno degli elettrodi; l’alga nori, quella che si usa normalmente per il sushi, è usata per mantenere separati i due elettrodi. Infine il tutto viene incapsulato con cera d’api per migliorarne la conservazione”.I potenziali utilizzi futuri sono numerosi: da quelli medici, per alimentare sensori e dispositivi in grado di monitorare le condizioni di salute, a quelli nell’agroalimentare, per esempio, per dare energia a sensori che monitorizzano lo stato di conservazione degli alimenti. O anche nell’industria dei giocattoli, dato l’alto livello di sicurezza di queste batterie.Ma gli stessi ricercatori sottolineano che il dispositivo è ancora un prototipo, lontano da uno sviluppo industriale. Il riconoscimento ricevuto da Time, però, è uno stimolo importante per proseguire nella fase di sviluppo . “Per chi fa ricerca, il significato di questo riconosciemnto è che ora siamo ancora più motivati a proseguire nei nostri sforzi – dice ancora Caironi – Chiaramente stiamo parlando dei risultati di un laboratorio di ricerca, non di prodotti. Abbiamo la visione, nel lungo termine, di portare questi risultati sul mercato. Siamo consapevoli che la strada è ancora lunga, ma i riconoscimenti di questo tipo ci aiutano a proseguire lungo questa direzione”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles