martedì, 23 Aprile , 24

Voto Basilicata e liste, nel M5S torna il tema dei due mandati

Malumori su Conte? “Qualcuno forse non ha gradito controlli...

Con l’approvazione del Senato il Dl Pnrr è legge. Queste le misure

Patente a punti per i cantieri, norma su PagoPa...

Ok del Governo alle regole sull’intelligenza artificiale: fino a 5 anni di carcere per chi froda

Nordio: “Per chi danneggia falsificando attraverso la Ia scatta...

Mammi: Aceto balsamico Unesco progetto nato da azione Consorzi

AttualitàMammi: Aceto balsamico Unesco progetto nato da azione Consorzi

On la Consorteria di Spilamberto e la Confraternita di Scandiano

Roma, 28 mar. (askanews) – “Facciamo chiarezza. Il percorso per intitolare ‘La Tradizione del Balsamico tra socialità, arte del saper fare e cultura popolare’ a patrimonio culturale immateriale Unesco è partito diversi anni fa, e nasce da un’azione dal basso portata avanti dalla Consorteria dell’aceto balsamico tradizionale con sede a Spilamberto (Mo), dalla Confraternita dell’aceto balsamico tradizionale che ha sede a Scandiano (RE) e dei tre Consorzi Dop e Igp”. Così l’assessore regionale all’Agricoltura e agroalimentare Alessio Mammi interviene sulle recenti dichiarazioni relative al sostegno espresso dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, e alla ‘paternità’ della domanda di riconoscimento.

“È necessario – rimarca Mammi – legittimare in modo corretto questo iter che coinvolge persone, famiglie, imprese, le comunità locali delle province di Modena e Reggio Emilia, perché rappresentano la tradizione, la storia, l’identità del balsamico nei nostri territori. Bisogna mantenere il percorso per il riconoscimento del titolo di patrimonio Unesco sui giusti binari, per non snaturarlo e perchè torni in una logica territoriale e condivisa”.

La domanda è stata presentata da un Comitato territoriale che comprende oltre a Consorteria e Confraternita i soggetti titolari per legge delle attività di promozione, ovvero i Consorzi di tutela degli aceti balsamici Dop e Igp, con il supporto della Regione Emilia-Romagna, ai Ministeri dell’Agricoltura e della Cultura. Nel 2022 ‘La Tradizione del Balsamico tra socialità, arte del saper fare e cultura popolare dell’Emilia centrale’ è stata iscritta nell’Inventario nazionale del Patrimonio agroalimentare italiano (Inpai).

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles