sabato, 13 Aprile , 24

La Russa: aiutare le comunità di recupero, sono la risposta alle tossicodipendenze

Presidente Senato accoglie appello Lautari: “Anche Meloni sensibile” Pozzolengo (Bs),...

“Rwanda, Il Paese delle Donne”, documentario a 30 anni dal genocidio

Film di Sabrina Varani sarà proiettato il 16 aprile...

Abi, a marzo -2,6% prestiti a famiglie e imprese rispetto a un anno fa

I dati dell’ultimo rapporto mensile dell’associazione bancaria Roma, 13 apr....

Abi, prosegue diminuzione tassi. Sui mutui casa a marzo scesi a 3,79%

In calo sia quelli a medio/lungo termine che quelli...

Onu: “Spirale violenza in Yemen può avere gravi ripercussioni”

video newsOnu: "Spirale violenza in Yemen può avere gravi ripercussioni"

“Su sicurezza politica, economia e aiuti umanitari nel paese”

Nazioni Unite (New York), 13 gen. (askanews) – “Stiamo assistendo a una spirale di violenza che rischia di avere gravi ripercussioni sulla sicurezza politica, economica e umanitaria dello Yemen e della regione”. A dirlo è Khaled Khiari, sottosegretario generale per gli Affari politici per l’Asia, durante la sessione del Consiglio di sicurezza che ha discusso la situazione nel Mar Rosso e nella zona occidentale dello Yemen controllata dai ribelli Houthi. Nei giorni scorsi l’aviazione militare di Usa e Gran Bretagna ha effettuato raid contro obiettivi militari Houthi, dopo che i ribelli, sostenuti militarmente e politicamente dall’Iran, hanno attaccato con missili e droni navi mercantili nel Mar Rosso, uno dei corridoi cruciali del commercio mondiale, come azione a sostegno dei palestinesi di Gaza.”I recenti miglioramenti umanitari nel Paese sono fragili e potrebbero facilmente essere annullati in caso di ulteriori incidenti. Mentre i progressi nel raggiungimento di una soluzione politica per porre fine alla guerra in Yemen potrebbero essere compromessi, lasciando la popolazione yemenita ad affrontare l’impatto di un conflitto continuo”, ha aggiunto Khiari. “Questi sviluppi nel Mar Rosso e il rischio di esacerbare le tensioni regionali sono allarmanti”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles