sabato, 8 Giugno , 24

Scappa con figlio affidato a zii ad Aosta, ritrovata: “Bimbo sta bene”

(Adnkronos) - E' stata rintracciata la madre insieme...

Bruce Springsteen, riprogrammate tra un anno le tappe del tour in Italia: le date

(Adnkronos) - Le date italiane rinviate del tour...

Migranti, in 180 sbarcati a Lampedusa. Sull’isola 11 corpi recuperati da ong

(Adnkronos) - Sono tre le imbarcazioni soccorse la...

Pianeta Mare Film Festival, al via lab creativo di videomaking

AttualitàPianeta Mare Film Festival, al via lab creativo di videomaking

Destinato a 20 studenti universitari europei under 30
Milano, 8 giu. (askanews) – Il Laboratorio creativo del Pianeta Mare Film Festival, nato da una idea del professor Ferdinando Boero, presidente del Pianeta Mare Film Festival di Napoli e della Fondazione Dohrn della Stazione Zoologica Anton Dohrn, è un workshop intensivo full time di regia cinematograficae montaggio, per 20 studenti e studentesse universitarie europei under 30, finalizzato alla realizzazione di cortometraggi che esplorino temi ambientali, la relazione tra gli esseri umani e gli altri esseri viventi, con particolare focus sulle interazioni di vita con il mare e il nostro rapporto con lìacqua. Per edizione 2024 sarà formata anche una seconda classe di videomaking a cui potranno partecipare fino a 20 studenti under 35 con esperienze di studio e ricerca multidisciplinari e/o di divulgazione scientifica in enti pubblici di ricerca o provenienti da esperienze nei nuovicentri nazionali per la ricerca finanziati dal Pnrr.
Tra gli obiettivi del laboratorio-corso: creare video artistici a zero budget grazie all’utilizzo originale e artistico degli smartphone, sviluppare conoscenza e consapevolezza per la transizione ecologica e il contributo che ognuno può dare attraverso azioni quotidiane concrete per partecipare alla ricerca di soluzione utili per la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Il Pianeta Mare Film Festival è l’unico Film festival italiano che ha ricevuto la partnership dall’Agenzia Sdsn delle Nazioni Unite presieduta dal professor Jeffrey Sachs.
“Il cinema è un forte strumento di comunicazione, anche in campo marino. E’ essenziale passare da un cinema che desta meraviglia a un cinema che generi consapevolezza. Il Lab di Pianeta Mare Film Festival si propone questo importante obiettivo, oltre che fornire le basi per realizzare storie e filmati di qualità”, afferma il presidente Boero.
Tra le novità di questa terza edizione del laboratorio creativo, condotto dal regista 28enne Premio La Cinef Festival di CannesValerio Ferrara, con la curatela artistica di Max Mizzau Perczel, cofondatore del Festival, c’è la collaborazione speciale di Antonietta De Lillo, regista e produttrice di fama internazionale, ideatrice del progetto film partecipato, la cui terza edizione esplora il tema “L’uomo e la bestia”. Ispirato alla riflessione cinematografica della regista napoletana, il tema del Laboratorio creativo di quest’anno è “Bestie marine”. Tra i corti che verranno prodotti dal Lab del Festival, alcuni di essi potranno essere selezionati per convergere nel nuovo film partecipato “L’uomo e la bestia”.
“Immagino una bilancia dove da una parte si preserva l’autonomia e l’individualità di ogni singolo racconto e dall’altra si costruisce una narrazione nuova, collettiva e insieme unitaria. Il progetto è rivolto ad autori giovani e meno giovani che possono trovare in tutto questo una ‘casa’, un luogo dove condividere un’esperienza basata sul rispetto, sul rapporto paritario, dove non si partecipa per affermarsi ma per migliorarsi attraverso visioni differenti”, dichiara la regista e produttrice De Lillo.
“Il lab creativo è nato con l’obiettivo di permettere a chiunque di realizzare un cortometraggio senza bisogno di grandi mezzi, basandosi sull’incontro tra la creatività degli studenti e studentesse di arte e cinema con le conoscenze di quelli di scienze naturali e biologia marina. Questa nuova edizione, grazie alla collaborazione con la regista Antonietta De Lillo e la produzione Marechiaro Film, si prospetta speciale perché è la prima ad avere un tema preciso, ovvero le bestie marine, e a dare l’opportunità di prendere parte al film partecipato con i cortometraggi realizzati durante il laboratorio. Sono sicuro che la città di Napoli ha tante storie e leggende ancora inesplorate e il mio augurio più grande è che ci siano persone in grado di poterle raccontare”, afferma il regista Ferrara, direttore del Lab del Pianeta Mare Film Festival.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles