venerdì, 12 Aprile , 24

Abruzzo, Marsilio: bene avvio lavori raddoppio tratta ferrovia

Interporto d’Abruzzo – Manoppello – Scafa Roma, 12 apr. (askanews)...

Vino, Regione Campania a Vinitaly 2024: la carica delle 180 Cantine

Tra focus e masterclass, anche il premio a Ambasciatori...

La Lega festeggia i 40 anni, Salvini sventola l’Autonomia

Anniversario divisi: il leader a Varese, i dissidenti a...

Cantina Valpolicella Negrar porta a Vinitaly l’Amarone del 90esimo

Riserva di Amarone 2015 da collezione che celebra origini...

Roma, Avs: Gualtieri fermi iter termovalorizzatore e si confronti

AttualitàRoma, Avs: Gualtieri fermi iter termovalorizzatore e si confronti

Oggi incontro con rappresentanza sindaci metropolitani contrari

Roma, 20 mar. (askanews) – “Apprezziamo molto la disponibilità del sindaco Gualtieri a incontrare oggi alle ore 13 una rappresentanza dei sindaci della Città Metropolitana di Roma per discutere dell’inceneritore di Santa Palomba. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire. Dopo quasi due anni dal conferimento dell’incarico di Commissario straordinario per il Giubileo, ci auguriamo che questo incontro non sia solo formale ma una reale occasione per confrontarsi sulle ragioni di chi si oppone a questa scelta scellerata”. Così, in una nota, i consiglieri dell’Alleanza capitolina Verdi-Sinistra Nando Bonessio, Michela Cicculli, Alessandro Luparelli.

“Tanto più che la posizione di contrarietà espressa dai sindaci delle aree maggiormente danneggiate, perché direttamente esposte all’inquinamento prodotto da questo mega impianto, non è ideologica – continuano i consiglieri – ma suffragata da approfondimenti, studi scientifici, ricerche e accertamenti tecnico-sanitari-ambientali e che nessuno fino a ora ha ritenuto necessario fare”.

“Sarebbe auspicabile che a seguito di questo colloquio il sindaco decidesse di interrompere momentaneamente l’iter di realizzazione dell’inceneritore per confrontarsi con esperti di livello nazionale e internazionale in materia ambientale – continuano i consiglieri -. Una scelta questa che noi dell’Alleanza Verdi-Sinistra a livello locale, regionale e nazionale stiamo chiedendo da tempo. Infatti, decidere di vincolare il destino di tanti cittadini e tanti territori alla gestione di un impianto così altamente impattante per un periodo di tempo pari a 33 anni e 5 mesi, significa non poter nemmeno pensare di valutare altre soluzioni future tecnologicamente più avanzate condannando una fetta della popolazione alla insostenibilità ambientale”, concludono.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles