mercoledì, Dicembre 7, 2022

Sangiuliano: la Rai deve raccontare al mondo l’immaginario dell’Italia

Ultime Notizie

Salute, piazza dei Martiri diventa ‘ambulatorio per un giorno’

“Operazione prevenzione” presso la sede dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Turi (Odcec Napoli): “Un modo per tutelare il benessere...

Friuli Venezia Giulia: 50 beni confiscati alle mafie, 40 destinati

Correttamente utilizzati dagli enti assegnatari Roma, 6 dic. (askanews) - Una cinquantina di beni in gestione, 40 già destinati: 32 ai Comuni e 8 a...

Edgar Reitz a Roma, concerto per i suoi 90 anni a Goethe Institut

Il 15 dicembre, musiche de "L'altra Heimat" di Michael Riessler Roma, 6 dic. (askanews) - Il Goethe-Institut festeggia il 90esimo compleanno di Edgar Reitz con...

Cento anni dell’Aeronautica militare, Gen. Goretti: “I giovani voleranno e vivranno nello spazio”

ROMA – “Far capire cosa è l’Aeronautica militare e grazie al popolo italiano che ha contribuito a forgiare la Forza Armata. Cento anni di...

Ecofin, veto Ungheria al prestito per Ucraina: i due scenari

L'impegno verso Kiev sarà comunque rispettato, se necessario a 26 Bruxelles, 6 dic. (askanews) - A causa di un veto dell'Ungheria, il Consiglio Ecofin svoltosi...

Rifiuti, sindaci a Gualtieri: riveda scelta su termovalorizzatore -RPT

La lettera sarà firmata domani davanti al sito dell'impianto Roma, 6 dic. (askanews) - RIPETIZIONE CORRETTA NEL TESTO. I sindaci dei Comuni vicini ai...

“La Rai deve raccontare al mondo l’immaginario dell’Italia”

Roma, 21 nov. (askanews) – “Oggi la Rai deve raccontare al mondo l’immaginario dell’Italia”. Lo ha detto il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, intervenuto stamattina a viale Mazzini alla conferenza stampa “Un Mondo d’Italia. La nuova Rai per l’estero”, alla presenza dei vertici dell’emittente di Stato e del ministro degli Esteri Antonio Tajani.

“L’Italia – ha proseguito il ministro – è una superpotenza culturale. La nostra nazione rappresenta un unicum nella storia, perché qui ci sono stati i greci, i latini, gli etruschi, i goti, sono arrivati i longobardi, gli spagnoli, gli aragonesi, gli angioini, i normanni, gli arabi in Sicilia, e tutto questo ha prodotto un immenso patrimonio artistico-culturale, archeologico, un unicum che poche nazioni possono vantare al mondo, che può rappresentare un fattore aggiuntivo importante del nostro Pil”.

“Il mondo è affamato di cultura italiana, e la Rai può avere un grande ruolo per raccontare tutto ciò e aiutare noi a ritornare ad essere il primo Paese al mondo per attrattività turistica, come eravamo negli anni Settanta, perché possiamo offrire l’unicum della nostra cultura”.

continua a leggere sul sito di riferimento

Ultime Notizie

Salute, piazza dei Martiri diventa ‘ambulatorio per un giorno’

“Operazione prevenzione” presso la sede dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Turi (Odcec Napoli): “Un modo per tutelare il benessere...

Friuli Venezia Giulia: 50 beni confiscati alle mafie, 40 destinati

Correttamente utilizzati dagli enti assegnatari Roma, 6 dic. (askanews) - Una cinquantina di beni in gestione, 40 già destinati: 32 ai Comuni e 8 a...

Edgar Reitz a Roma, concerto per i suoi 90 anni a Goethe Institut

Il 15 dicembre, musiche de "L'altra Heimat" di Michael Riessler Roma, 6 dic. (askanews) - Il Goethe-Institut festeggia il 90esimo compleanno di Edgar Reitz con...

Cento anni dell’Aeronautica militare, Gen. Goretti: “I giovani voleranno e vivranno nello spazio”

ROMA – “Far capire cosa è l’Aeronautica militare e grazie al popolo italiano che ha contribuito a forgiare la Forza Armata. Cento anni di...

Ecofin, veto Ungheria al prestito per Ucraina: i due scenari

L'impegno verso Kiev sarà comunque rispettato, se necessario a 26 Bruxelles, 6 dic. (askanews) - A causa di un veto dell'Ungheria, il Consiglio Ecofin svoltosi...