mercoledì, Marzo 29, 2023

Saudi Aramco, utile record nel 2022, aumentato del 47%

Ultime Notizie

In Messico almeno 40 morti in un incendio scoppiato in un centro per migranti

Fiamme scoppiate in seguito a una protesta contro i trasferimenti Roma, 29 mar. (askanews) – Almeno 40 migranti provenienti dall’America centrale e meridionale sono morti...

Ok Cdm a bollette e codice appalti, ma slitta ddl concorrenza

Varate norme su cibo sintetico e Meloni va da Coldiretti. Nodo Pnrr Roma, 28 mar. (askanews) – Una giornata cominciata con un bagno di folla...

Umbria, presentato da Anas progetto I stralcio nodo stradale Perugia

Melasecche: primo risultato storico Roma, 28 mar. (askanews) – Un percorso di circa sette chilometri a quattro corsie, di cui 2,242 chilometri in galleria, in...

Unimpresa: smart working in 26 contratti e in 177 accordi aziendali

Riunione dell’Osservatorio Lavoro Agile al Ministero del Lavoro Lo smart working è regolato da 26 contratti collettivi nazionali e in 177 accordi aziendali. Lo riferiscono...

Mafia, Mattarella: cultura e lavoro strumenti di contrasto decisivi

Importanti quanto la magistratura e le forze dell’ordine Milano, 28 mar. (askanews) – “Due versanti decisivi che avete curato e che continuate a curare solo...

CDP Reti, utile netto consolidato 2022 pari a 1,8 miliardi di euro

Dividendo spa cresce 6% a 523 milioni di euro La mission di CDP Reti è la gestione degli investimenti partecipativi. L’utile netto consolidato di CDP...

Cresca anche dividendo per maggior produttore greggio al mondo

Roma, 12 mar. (askanews) – Saudi Aramco ha registrato un utile record di 161 miliardi di dollari nel 2022 e ha aumentato il dividendo sul risultaro di un anno tumultuoso per il mercato dell’energia che ha consentito al colosso petrolifero saudita, il più grande produttore di greggio al mondo, di fare cassa.

La compagnia statale dell’Arabia Saudita ha dichiarato di aver venduto più petrolio rispetto al 2021, di aver migliorato i margini di raffinazione e di aver beneficiato del rialzo dei prezzi del greggio, che hanno contribuito al balzo del 47% dell’utile netto al massimo da quando la società ha iniziato a pubblicare i risultati dopo la quotazione nel 2019.

Gli enormi profitti di Saudi Aramco completano la serie di risultati record per le più grandi compagnie petrolifere e gasiere del mondo dopo che i prezzi dei combustibili fossili sono aumentati vertiginosamente lo scorso anno a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Shell ha riportato utili di quasi 40 miliardi di dollari, i più alti nei suoi 115 anni di storia, mentre ExxonMobil ha realizzato profitti per 55,7 miliardi di dollari, il massimo mai raggiunto da una compagnia petrolifera occidentale.

Saudi Aramco è il più grande produttore mondiale di greggio e una delle poche società con capacità produttiva in eccesso che può essere utilizzata dal governo dell’Arabia Saudita per aumentare o diminuire l’offerta in linea con la domanda globale. Ha aumentato la produzione fino al 2022, prima che l’Arabia Saudita, in accordo con altri membri del cartello Opec, sfidasse la pressione degli Stati Uniti e tagliasse la produzione a novembre in risposta a presunte prospettive più deboli per la domanda.

L’anno scorso ha prodotto 11,5 milioni di barili al giorno di greggio e altri idrocarburi liquidi, che rappresentano circa il 10% dell’offerta mondiale di greggio.

Mentre molti rivali hanno rallentato gli investimenti nell’estrazione di petrolio nel tentativo di ridurre le proprie emissioni, Saudi Aramco è una delle poche società che investe nell’aumento della sua capacità di produzione massima, da 12 milioni di barili al giorno a 13 milioni. La spesa in conto capitale totale nel 2022 è aumentata del 18% su base annua, a 37,6 miliardi di dollari, rispetto ai 24,8 miliardi di dollari spesi da Shell. Saudi Aramco prevede di spendere dai 45 ai 55 miliardi di dollari nel 2023.

Amin Nasser, amministratore delegato, ha affermato che i “rischi di sottoinvestimento” nella produzione di petrolio e gas sono reali e stanno già contribuendo all’aumento dei prezzi. “Per sfruttare i nostri vantaggi unici su larga scala ed essere parte della soluzione globale, Aramco ha intrapreso il più grande programma di spesa in conto capitale della sua storia”, ha affermato.

Il free cash flow delle attività è stato di 148,5 miliardi di dollari, rispetto ai 107,5 miliardi nel 2021.

Aramco ha aumentato il suo dividendo, uno dei più ricchi al mondo, del 4% per il quarto trimestre a 19,5 miliardi di dollari, da pagare entro la fine di marzo. Il payout è una fonte vitale di entrate per il governo dell’Arabia Saudita, che detiene ancora direttamente il 94% delle azioni di Saudi Aramco. Ha offerto in borsa poco meno del 2% delle azioni della società nel dicembre 2019 e l’anno scorso ha collocato un altro 4% presso fondo sovrano saudita.

continua a leggere sul sito di riferimento

Ultime Notizie

In Messico almeno 40 morti in un incendio scoppiato in un centro per migranti

Fiamme scoppiate in seguito a una protesta contro i trasferimenti Roma, 29 mar. (askanews) – Almeno 40 migranti provenienti dall’America centrale e meridionale sono morti...

Ok Cdm a bollette e codice appalti, ma slitta ddl concorrenza

Varate norme su cibo sintetico e Meloni va da Coldiretti. Nodo Pnrr Roma, 28 mar. (askanews) – Una giornata cominciata con un bagno di folla...

Umbria, presentato da Anas progetto I stralcio nodo stradale Perugia

Melasecche: primo risultato storico Roma, 28 mar. (askanews) – Un percorso di circa sette chilometri a quattro corsie, di cui 2,242 chilometri in galleria, in...

Unimpresa: smart working in 26 contratti e in 177 accordi aziendali

Riunione dell’Osservatorio Lavoro Agile al Ministero del Lavoro Lo smart working è regolato da 26 contratti collettivi nazionali e in 177 accordi aziendali. Lo riferiscono...

Mafia, Mattarella: cultura e lavoro strumenti di contrasto decisivi

Importanti quanto la magistratura e le forze dell’ordine Milano, 28 mar. (askanews) – “Due versanti decisivi che avete curato e che continuate a curare solo...