mercoledì, 24 Aprile , 24

Prodi: Draghi al Consiglio europeo? Dipende da lui e da elezioni

Ma ci sono momenti in cui fa piacere una...

IA, SenseTime ferma contrattazioni in borsa Hong Kong

Boom contrattazioni, dopo annuncio nuovo LLM Roma, 24 apr. (askanews)...

Superbonus, Fitch: mette debito-Pil su traiettoria al rialzo

“Ridotti margini Bilancio complicano politiche e tensioni governo” Roma, 24...

Europee, Tajani: Fi oltre il 10% con l’accordo con i Riformatori sardi

Presentato il candidato Michele Cossa Roma, 24 apr. (askanews) –...

“Un ottovolante di emozioni”: l’attesa dei parenti degli ostaggi

video news"Un ottovolante di emozioni": l'attesa dei parenti degli ostaggi

“Viviamo tra incertezza e impotenza”

Milano, 23 nov. (askanews) – “L’attesa è dura, soprattutto a causa dell’incertezza e della sensazione di impotenza. Sono già 48 giorni che viviamo questa incertezza e ci sentiamo impotenti. Non è una novità. Ma sembra che siamo stati spinti al limite, è come una tortura. Non sappiamo quando finirà. Sembra che siamo quasi arrivati, come Sisifo che fa rotolare il suo masso su per la collina e ogni volta rotola giù di nuovo. E ricominciamo da capo. Ma comunque, sembra che ci stiamo avvicinando , in qualche modo”. A parlare è Gil Dickman, un parente di un ostaggio israeliano in mano ad hamas, alla vigilia delle tregua.”È molto difficile sapere cosa sta succedendo, è molto difficile sapere cosa provare. È un ottovolante di emozioni. Cerchiamo di essere ottimisti e di capire che anche se ci sono difficoltà, alla fine si troverà un accordo. Siamo Sono molto fiducioso che questo sia solo l’inizio e che vedremo molti più ostaggi, e alla fine tutti, tornare a casa”, ha concluso.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles