martedì, 23 Aprile , 24

Voto Basilicata e liste, nel M5S torna il tema dei due mandati

Malumori su Conte? “Qualcuno forse non ha gradito controlli...

Con l’approvazione del Senato il Dl Pnrr è legge. Queste le misure

Patente a punti per i cantieri, norma su PagoPa...

Ok del Governo alle regole sull’intelligenza artificiale: fino a 5 anni di carcere per chi froda

Nordio: “Per chi danneggia falsificando attraverso la Ia scatta...

Usa, Harvard rimuove copertina libro realizzato con pelle umana

AttualitàUsa, Harvard rimuove copertina libro realizzato con pelle umana

Per quasi un secolo nella collezione di volumi della Ivy League

Milano, 29 mar. (askanews) – La prestigiosa Università di Harvard afferma di aver rimosso la pelle umana dalla rilegatura di un libro che ha in una delle sue biblioteche da oltre 90 anni. Nel 2014 si è scoperto che un libro era rilegato con la pelle di una donna morta.

Per quasi un secolo, le sacre sale della Houghton Library dell’Università di Harvard hanno avuto un libro rilegato in pelle umana nella collezione di 20 milioni di libri della Ivy League, fino alla recente decisione di rimuoverlo.

“Des destinées de l’âme” di Arsène Houssaye è stato pubblicato nel 1879, tuttavia, il volume in questione è stato rilegato in pelle umana dal medico francese Ludovic Bouland ed è nella collezione dell’Università dal 1934, secondo l’annuncio di Harvard mercoledì .

La premessa del libro è una riflessione sull’anima e sulla vita dopo la morte, e una nota manoscritta di Bouland inserita nel volume afferma che “un libro sull’anima umana meritava di avere una copertina umana”, secondo l’Università.

Bouland ha rilegato il libro con la pelle prelevata “senza consenso” dal corpo di una paziente deceduta senza nome dell’ospedale psichiatrico francese dove lavorava, si legge nell’annuncio.

La rimozione della pelle umana dal libro fa seguito a una revisione della Houghton Library, sollecitata dalle raccomandazioni del rapporto dell’autunno 2022 del comitato direttivo dell’Università di Harvard sui resti umani nelle collezioni dei musei universitari.

Il libro è presente nelle collezioni della Biblioteca di Harvard dal 1934, inizialmente accettato in deposito da John B. Stetson, Jr. (1884-1952), diplomatico americano, uomo d’affari e alunno di Harvard (AB 1906); trasferito dalla Biblioteca Widener alla Biblioteca Houghton nel 1944; e infine donato dalla vedova di Stetson, Ruby F. Stetson alla Biblioteca di Houghton nel 1954.

Il testo stampato del libro fu donato dall’autore, Arsène Houssaye, al suo amico, il dottor Ludovic Bouland, all’inizio degli anni ottanta dell’Ottocento. Una nota manoscritta di Bouland inserita nel volume afferma che “un libro sull’animo umano meritava di avere una copertina umana”. La nota descrive anche il processo utilizzato per trattare la pelle in modo che potesse essere utilizzata per rilegare il testo.

Non sappiamo di chi sia stata la pelle utilizzata per rilegare il libro. Le prove indicano che Bouland rilegava il libro con la pelle, presa da una donna, che aveva acquisito quando era studente di medicina. Un promemoria che accompagnava il libro scritto da John Stetson, che da allora è andato perduto, ci diceva che Bouland prese questa pelle dal corpo di una sconosciuta paziente deceduta di un ospedale psichiatrico francese. Nel 2014, la biblioteca ha fatto testare la rilegatura utilizzando un processo scientifico noto come peptide mass fingering, che ha confermato l’origine umana.

Harvard, considerata la più antica università degli Stati Uniti, ha già parlato del caso sfruttando l’interesse che circonda la storia morbosa intorno al libro. “Ai resti umani verrà data una disposizione rispettosa che mira a restituire dignità alla donna la cui pelle è stata utilizzata. La Biblioteca sta ora conducendo ulteriori ricerche biografiche e sulla provenienza della paziente anonima, del libro e di Bouland, oltre a consultare le autorità competenti in Francia e all’Università per aiutare a determinare il modo migliore per portarle a termine. Ci aspettiamo che questo processo richieda mesi, e forse anche di più, per giungere a compimento” si legge sul sito dell’Università.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles