lunedì, 22 Aprile , 24

Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22 Aprile 2024

RIPRODUZIONE RISERVATA L'articolo Prime pagine dei quotidiani di Lunedì 22...

Europee, 29 simboli depositati, mancano ancora Fi e Pd

Al Viminale c’è tempo fino a lunedì 22 alle...

Settimana decisiva per Autonomia, ipotesi votazioni anche sabato

Ddl atteso in aula Camera il 29, per farcela...

Scurati: ho paura, quando disegnano bersaglio poi qualcuno mira

“Nemici democrazia non marciano su Roma, hanno vinto le...

WaitHero: la prima app che personalizza il menu al ristorante

video newsWaitHero: la prima app che personalizza il menu al ristorante

Il progetto grazie all’Intelligenza Artificiale

Roma, 16 gen. (askanews) – WaitHero è la prima app che personalizza il menù del ristorante, in base alle proprie intolleranze, allergie, culture e religioni, ma anche alle preferenze culinarie. Tutto grazie all’Intelligenza Artificiale. Insomma, un menù selezionato, ad hoc. WaitHero è la prima app che utilizza l’intelligenza artificiale per imparare quali siano i propri gusti ed esigenze culinarie, rimodulando il menù di un ristorante o di un sito web di food delivery affinché ci vengano presentate quelle proposte che fanno effettivamente al caso nostro.Il vantaggio è doppio: da un lato per il cliente che ha a disposizione un menù cucito perfettamente sulle proprie esigenze; dall’altro per il ristorante che ottimizza i tempi di un ordine dato che al cameriere non toccherà più dover elencare al cliente quella serie di piatti che, ad esempio, non rientrano nella categoria dei senza glutine, vegani, vegetariani.Spiega Mirco Bulega, chairman e founder: “L’obiettivo è di migliorare l’esperienza nell’ordine e nei ristoranti sia a favore dei ristoratori ma soprattutto per i clienti, con particolare riferimento a chi ha intolleranze o allergie o che per cultura o semplicemente per preferenze e vorrebbero avere un menu personalizzato in base alle loro esigenze”.Lo stesso vale anche per la parte beverage. Grazie alla capacità di imparare dalle abitudini, ogni app autopersonalizzerà il profilo del proprio utente offrendo come risultato quelle etichette che meglio si abbinano ai piatti scelti. Un modello vincente che attualmente è già operativo in 1.500 locali, gestendo dal lancio ad oggi più di 200mila ordini nella città di Torino. “Cerchiamo di far fare un’evoluzione significativa a un settore dove lo scambio tra cliente e cameriere avviene ancora a voce o sfogliando le pagine di un sito web”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles